Monthly Archives

aprile 2014

TORTA AURORA


Buongiorno amici! Scusate la mia scarsa presenza in questi giorni ma ho avuto una sorta di black out…mentale!!  Vi capita mai di andare in tilt e di non riuscire a fare le cose che abitualmente fate ad occhi chiusi?  Vi capita mai di non riuscire neanche a pensare di fare un panino per pranzo, figuriamoci qualcosa di carino per il blog? A me è capitato.  Questi ultimi mesi sono stati piuttosto impegnativi per me…carichi di cambiamenti…alcuni bellissimi, come questo blog, che mi sta regalando tante emozioni e voglia di migliorare…alcuni meno belli ma che vanno affrontati e superati.  Il mese di Aprile è oltretutto, un mese ricchissimo di compleanni.  Mio figlio fa da apripista e mio padre chiude la serie e così dai a mangiare dolci…deliziosi si, come deliziosi sono i festeggiamenti ma, rimettersi in riga diventa duro, anzi durissimo.  La fortuna mi ha assistita però e, vista la mia momentanea incapacità di intendere e volere (metaforicamente parlando ovviamente!), ho potuto sfruttare una ricetta che avevo messo in archivio, pronta per evenienze come queste, in cui la pigrizia prende il sopravvento!  Così, oggi vi propongo la Torta Aurora, fatta un po’ di tempo fa per il compleanno di una dolcissima bimba dagli occhi furbetti e vivaci. La posto oggi, così con l’occasione rinnovo gli auguri di compleanno a tutti i miei “aprilini”…VVB!!!

Torta Aurora

1 Pan di Spagna
crema pasticcera
650 gr di panna da montare
80 gr di cioccolato fondente a pezzetti (oppure gocce)
bagna all’alchermes

Crema pasticcera

4 tuorli
4 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di farina
½ litro di latte

Scaldate il latte in un pentolino.  Nel frattempo, sbattete i tuorli con lo zucchero, la farina e qualche cucchiaio di latte. Quando il latte sta per bollire, buttarvi dentro la crema di uova sbattute, tutta in una volta.  Abbassate la fiamma e girate la crema per un paio di minuti, finché non si addensa a puntino.  Ci vuole davvero pochissimo. Quando la crema si raffredda completamente, aggiungervi delicatamente 200 gr di panna montata, così avrete una crema chantilly all’italiana.  Aggiungervi anche il cioccolato fondente a pezzetti.

Bagna all’alchermes

Mettere sul fuoco 2 bicchieri di acqua con 100 gr di zucchero, portare a bollore e far bollire per 4/5 minuti a fiamma alta.  Spegnere e aggiungere subito un bicchierino di alchermes. Far raffreddare completamente.

Montaggio del dolce

Dividere il pan di spagna in due.  Bagnare la parte inferiore con lo sciroppo all’alchermes (½ della bagna).  Coprire il disco di torta con la crema chantilly con il cioccolato.  Inzuppare l’altro disco di torta con la bagna restante e ricoprire la crema, premendo un pochino.  Montare il resto della panna e ricoprire la torta a piacere.  Io l’ho decorata con ciuffetti di panna, fiori freschi e savoiardi.  Ho aggiunto un bel fiocco e voilà…la torta di Aurora!!

Good morning my friends! Please excuse my insufficient presence during these last few days…I had a sort of mental black out!! Did you ever have difficulty doing even your routine chores?  Did you ever have difficulty even making a sandwich for lunch? Just imagine how difficult it is in these cases, thinking about making something beautiful enough to put on a foodblog…!!  This is what happened to me! The last months have been kind of hard on me…you know, a lot of changes…some are wonderful and fulfilling, like this blog, that gives me a lot of emotions and makes me desire to improve my cooking, my writing, my photography, myself…some are not so wonderful, and need some time to comprehend and  overcome.  Besides all of this, April is a month full of birthdays in my family.  My son starts the series at the beginning of the month and my father is the last birthday boy.  Have you got the picture of how many birthday sweets I’ve been eating?! However, I was lucky enough to have a birthday cake recipe in my file archive, waiting for this moment in which I am not myself and a sort of laziness has dominated me. I called this cake Torta Aurora, because I made it for a beautiful and charming baby girl whose name is Aurora.  I’ll take advantage of this birthday cake post to give my best birthday wishes to all my April Birthday People…I love you all!!

Aurora’s Cake

a sponge cake
custard
650 gr whipping cream
80 gr dard chocholate, chopped
alchermes syrup to drench the cake

Note: Alchermes is a sweet, red liquor, used a lot in Italian pastries. It gives a nice pinkish tone to the sweets and is not too alcoholic.  It is usually watered down.

To make the custard

4 egg yolks
4 tablespoons sugar
4 tablespoons flour
½ litre milk

Put the milk to boil and meanwhile beat the eggs with the sugar, the flour and a couple tablespoons of milk.  When the milk is about to boil, put in the egg mixture, all at once, and lower the flame.  Stir the mixture for about 2 or 3 minutes, until the cream gets the needed consistency.  When the custard is completely cooled, delicately add 200 ml whipped cream, so you get the chantilly cream.  Add the chopped chocolate and put aside.

To make the syrup

Put 2 cups of water and 100 gr sugar to boil.  Let boil on a high flame for about 4/5 minutes.  Turn off the flame and immediately add the alchermes.  Let cool completely.

To assemble the cake

Divide the sponge cake in two parts.  Drench the bottom part with half of the syrup.  Put the chantilly cream on top.  Drench the upper layer with the syrup and put it carefully on top of the cream, pressing down lightly.  Now whip the rest of the cream and decorate as you prefer.  I decorated my cake with whipped cream, fresh flowers, some lady fingers and a cute bow!!

 
Con questa ricetta partecipo al contest di Sabrina “Che torta di compleanno sai preparare?”.
 
 

STRAWBERRY SPELT VEGAN MUFFINS


Questi muffins buonissimi li ho preparati in occasione del compleanno di mio figlio.  Ho fatto diversi dolcetti, come è il mio solito, ma mi mancava qualcosa che potesse mangiare anche mio fratello che è vegano.  Allora inizio a sfogliare il quadernino dedicato alle ricette animal friendly.  Ci sono diverse tortine, cupcakes, muffins, crostate…rigorosamente senza uova, burro e latte.  Poi ricordo d’aver visto una bella ricetta sul blog Pensieri e Pasticci e decido di provarla. Simona ha messo la pera nei suoi muffins, mentre io ho usato le fragole, che avevo già in casa. I squisiti dolcetti sono piaciuti tantissimo e sai che vi dico…vegani e non, li abbiamo divorati!!

Muffins vegani alla fragola e farro (per circa 12 tortine)

160 gr di farina di farro
100 gr di zucchero di canna
25 gr olio e.v.o
125 gr latte vegetale (io ho usato il latte di avena)
un pizzico di sale
un cucchiaino di lievito
qualche goccia di estratto di vaniglia (io l’ho sostituita con un cucchiaino di zenzero)
fragole q.b (o altro frutto a piacere)

Mettere tutti gli ingredienti secchi in una bacinella. Aggiungere il latte vegetale e l’olio e mescolare quel tanto da amalgamare tutto. Mettere dei pirottini di carta nello stampo per i muffins e mettere un cucchiaio circa di impasto in ciascun pirottino.  Inserire ½ fragolone nell’impasto di ogni muffin, senza affondarlo e infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 25 minuti.

 

I made these great muffins for my son’s birthday.  I made a few sweet treats, as usual, but I needed something that my vegan brother could eat.  So I started searching for a recipe in my little “animal friendly” recipe notebook.  There are several cakes, cupcakes, muffins, crostata…all without eggs, butter and milk.  Then I remembered that I saw a wonderful recipe on the blog Pensieri e Pasticci and so I decided to give it a try.  Simona made her muffins with pears, while I put strawberries in mine.  They came out simply delicious and were an absolute success!! I made my brother’s happiness!

Vegan strawberry spelt muffins (about 12 servings)

160 gr spelt flour
100 gr brown sugar
25 gr extra virgin olive oil
125 gr vegetable milk (I used oat milk)
a pinch of salt
1 teaspoon baking powder
a few drops of vanilla extract (I substituted this with a teaspoon of ginger)
strawberries

Mix all dry ingredients.  Add the vegetable milk and the oil and mix just until all the ingredients hold together.  Put some paper cups in the muffin tin and put about a tablespoon of batter in each muffin cup.  Add ½ of a big strawberry on the top.  Don’t push it down into the batter.  Put into a preheated 180° oven and bake for about 25 minutes.

FARFALLE ALLA GRECA

Buon pomeriggio amici! Spero che abbiate passato una Pasqua serena e che il ritorno alla routine non sia troppo faticoso.  Oggi qui da me il sole splende e io avrei tanta voglia di andarmene a spasso… anche perché mi sono ripromessa di tornare alla sana abitudine della camminata giornaliera.  L’ho un po’ trascurata…per il clima, perché ho avuto qualche problemino di salute quest’inverno, ma anche per pigrizia.  Con l’arrivo (SPERO!) della bella stagione, mi piace preparare piatti poco elaborati e freschi, che mi regalano più tempo da dedicare alle mie passioni!  Il piatto che vi propongo oggi lo faccio spesso quando le temperature sono più tiepide.  E’ un piatto che mio figlio ha assaggiato a casa di mio fratello in America. Me lo descrisse appena tornato dalla vacanza, forse tralasciando qualche particolare ingrediente, ma esaltando la cucina degli zii e la freschezza e il connubio di sapori interessanti. E’ un piatto veloce e gustoso, perfetto anche per un buffet o per un picnic perché è delizioso anche freddo…provatelo e fatemi sapere!
 
 
Questo piatto è ispirato da una ricetta di Mauro e Giulia.
 
 
Farfalle con pomodorini secchi, olive e feta per 4 persone
 
320 gr di farfalle o altra pasta corta
300 gr di pomodorini secchi sott’olio
2 manciate di olive nere snocciolate
300 gr di formaggio Feta
olio e.v.o
sale q.b
 
Mettere a bollire l’acqua per la pasta. Tagliare a listarelle i pomodorini secchi e metterli in una ciotola. Aggiungere le olive, sbriciolandone la metà e mettere da parte.  Quando bolle l’acqua, salarla e buttare la pasta.  Cuocere al dente.  Scolare la  pasta e aggiungerela alla ciotola con il condimento.  Aggiungere la feta sbriciolata con le mani e mescolare tutto.  Aggiungere olio e.v.o a piacere, per rendere il condimento più sostanzioso e gustare!
 
 
Good afternoon my friends! I hope you had a nice Easter holiday!  The sun is shining over here and I am in the mood for a walk…I decided to go back to my good habits, which means going back to my brisk daily walk.  During this past winter, I neglected my walking…for the weather, because I had some health problems, but also for laziness.  Hopefully, Spring weather has finally arrived, and I promise to do better!  During the warmer months, I also like to make foods that are fast to make, and light and fresh, so I can have more “playtime”.  The pasta recipe I’m giving you today, is a wonderful dish that my son ate in America, at my brother’s home! My son described this dish when he came back from his holiday! He probably forgot some ingredient, but he was very passionate about his aunt and uncle’s cuisine and he loved the interesting mix of flavours! This recipe is very easy, fast and delicious. It’s wonderful for a buffet party or for a picnic, because it tastes great cold too!
 
This dish was inspired by a recipe made by Mauro and Giulia
 
 
Bow ties with sun dried tomatoes, olives and Feta for 4 servings
 
320 gr bow ties or other pasta
300 gr sun dried tomatoes in olive oil
2 handfuls of black olives
300 gr Greek Feta
extra virgin olive oil
salt to taste
 
Put some water to boil for the pasta.  Chop the dry tomatoes and put them in a bowl.  Add the olives, crumbling half of them.  Put aside.  When the water boils, add some salt and the pasta.  Cook “al dente”. Drain the pasta and put it into the bowl with the condiment.  Add the Feta, crumbling it with your hands and stir.  Add some olive oil to make the pasta creamier and enjoy!
 
 
Con questa ricetta partecipo al contest “Il cestino da picnic” di Beatitudini in Cucina

PANE DI PASQUA IN “ZONA CESARINI” E TANTI AUGURI!

Buongiorno amici miei! Posso affermare con convinzione che avere un blog di cucina ha uno scopo sociale.  Migliora i rapporti umani perché ti porta a conoscere tante belle persone e a coltivare ancora meglio le amicizie storiche, che ovviamente fanno da cavia ai tuoi esperimenti!  Ti indirizza verso un senso estetico più spiccato, per poter presentare le ricette dignitosamente (quanto ho da imparare…!).  Eppoi, migliora i rapporti famigliari, perché dovendo pubblicare delle ricette sul tuo spazio virtuale, sei “costretta” a preparare pietanze deliziose tutti i giorni…o almeno, ci provi…Su questa scia di pensiero, inserisco il mio pane di Pasqua.  Stimolata dalle mie bravissime amiche bloggers abruzzesi, che hanno prodotto pizze di Pasqua meravigliose, una più bella dell’altra, ho voluto provarci anch’io…seppure un po’ in ritardo.  Siccome stiamo per l’appunto in ritardo, non vi annoio con altre chiacchiere.  Vi presento il Pane di Pasqua che facciamo dalle mie parti.  Il mio è stato fatto con il lievito di birra, quindi la lievitazione è più veloce.  Se ne avete voglia, in una mezza giornata ve la potete cavare. Vi abbraccio tutti e con questa ricetta vi auguro una Serena Pasqua, da trascorrere con i vostri cari!! 
 
 
Pane di Pasqua (per 2 pagnottine)
 
per il lievitino:
 
100 gr di farina
1 cucchiaino di zucchero
una bustina di lievito di birra secco (oppure un cubetto fresco)
150 ml di acqua calda (ne potrebbe servire un pochino di più)
 
Mettere la farina, il lievito secco e lo zucchero in una bacinella e aggiungere l’acqua calda.  Mescolare velocemente (deve venire un impasto piuttosto liquido). Far lievitare fino al raddoppio del volume (circa ½ ora).
 
 
Nel frattempo mettere in una bacinella:
 
500 gr di farina (250gr Manitoba e 250gr 00)
125 gr di zucchero
un pizzico di sale
la buccia di un limone 
la buccia di un’arancia
un cucchiaio di cannella
un cucchiaio di semi di anice
250 gr di uvette
 
 
In un’altra bacinella mettere:
 
50 gr di burro fuso
50 gr di olio e.v.o
½ bicchiere di un misto di anice e rum
4 uova intere sbattute
 
Quando il lievitino è pronto impastare tutto insieme, aggiungendo gli ingredienti liquidi e il lievitino alla bacinella con gli ingredienti secchi.  Impastare a lungo e mettere a lievitare per circa un’ora.  Trascorso questo tempo, impastare di nuovo a lungo, formare le pagnottine e metterle a lievitare per altre 3 ore. Io ho messo le pagnottine direttamente nei contenitori d’alluminio usa e getta, di forma ovale.  Trascorsa questa ultima lievitazione, infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 45 minuti.  
 
Io ho pennellato le pagnottine con uno sciroppo fatto con acqua e zucchero, per renderle lucide.  Ho fatto bollire per qualche minuto. 4 cucchiai di zucchero e 2 cucchiai di acqua.  Quando lo sciroppo si è un pochino freddato, l’ho passato sulle pagnottine con un pennello da cucina.
 
Good morning my friends!  I can definitely affirm that having a food blog has a social purpous.  It gives you the opportunity to meet some wonderful people and it also gives a boost to your friendships.  Right, because your old friends MUST try your cooking experiments!! It betters your artistic eye, because you have to make “decent” pictures of your food (I have so much to learn…!).  Having a blog betters your family relationships too, because you make wonderful food for them every day…or at least, you try…I was stimulated by all my abruzzese blogger friends who made wonderful, delicious and beautiful “Pizze di Pasqua”.  I decided to try too, even if I am a little late…you know, Easter is tomorrow… However, I won’t take away your time with my chatter and I will leave you all with my recipe for the “Pane di Pasqua” we make around here.  It’s a sort of sweet bread, made with yeast, so if you like, you can prepare it in an afternoon.  I wish you all a very happy and peaceful Easter, to spend with your loved ones!
 
 
Pane di Pasqua (for 2 small loaves)
 
For the first yeast (starter)
 
Mix together 100 gr flour, 1 teaspoon sugar, a bag of dry yeast (or 25 gr fresh) and about 150 ml warm water.  You should obtain a liquid mixture.  Put to rise for about ½ hour (it should double in volume).
 
Meanwhile in another bowl mix:
 
500 gr flour (I used 250 gr Manitoba and 250 gr all purpous)
125 gr sugar
a pinch of salt
the zest of a lemon
the zest of an orange
1 tablespoon cinnamon
1 tablespoon anise seeds
250 gr raisins
 
 
Also prepare in another bowl:
 
50 gr melted butter
50 gr extra virgin olive oil
½ cup of anise liquor and rhum mxed together
4 beaten eggs
 
When the starter yeast is ready, mix all the ingredients together.  Put the liquid ones, along with the starter yeast, into the dry ingredients.  Knead very well and put to rise, for about 1 hour.  After this time, knead again very well (take some time to do this) and make your two loaves.  Put to rise for 3 hours (the loaves should double in volume).  When they are ready, put the loaves into a 180° pre heated oven for 45 minutes.  I made mine shiny by brushing them with a syrup made with 4 tablespoons sugar and 2 tablespoons water.  I simmered the sugar and the water together and brushed the cooled syrup on my baked loaves.
 
BUONA PASQUA A TUTTI !


CONSIGLIA Ciambella con sorpresa