Monthly Archives

giugno 2014

POLPETTONE DI TACCHINO CON VERDURE MISTE

Dopo aver postato diverse ricette dolci, sentivo l’esigenza di regalarvene una salata. Ho preparato questo polpettone qualche sera fa, usando ciò che avevo in frigo e nell’orto. Cerco di rendere più gustosa la carne che preparo per la mia famiglia, visto che non la amo tantissimo…fosse per me, mangerei solo formaggi…ma il mio colesterolo protesta! Ho sempre ritenuto che il polpettone fosse un secondo sfizioso ed economico, del resto ricordo che sia mia madre che mia suocera lo preparavano spesso, di solito nel sugo della domenica. Loro avevano la concezione di fornire un primo e un secondo alla famiglia, sostanzioso e senza spendere troppo. Talvolta, imbottivano il polpettone di uova sode, e quando veniva tagliato, aveva un aspetto bellissimo, direi quasi raffinato, nonostante la sua essenza casereccia. Il mio, l’ho imbottito di verdurine e l’ho cotto in bianco, con altre verdure che serviranno per accompagnarlo, insieme a una bella e fresca insalata di stagione! Buona settimana a tutti!
 
 
Polpettone di tacchino con verdure miste (per 6 persone)
 
Per il polpettone:
 
500 gr di carne di tacchino macinata
2 uova
5 o 6 cucchiai di pangrattato
1 carota grande tagliata a cubetti
1 gambo di sedano tagliato a cubetti
1 cipollotto fresco tagliato a cubetti piccoli
2 cucchiai di latte
sale e pepe q.b
olio evo q.b
 
Le verdure da aggiungere per la cottura:
 
2 zucchine tagliate
2 patate a spicchi
5 o 6 ciliegini
una carota tagliata
rosmarino fresco q.b
 
Impastare tutti gli ingredienti e formare un polpettone, aiutandovi bagnando la mani nell’acqua. Mettete qualche cucchiaio di olio evo in una pentola (io uso la pentola a pressione) e rosolatevi il polpettone. Giratelo con attenzione per non romperlo. Quando l’avete rosolato a tutti i lati, aggiungete nella pentola, le zucchine, le patate, i pomodorini, la carota e il rosmarino. Aggiungete anche 300 ml di acqua calda (il liquido deve arrivare a metà del polpettone). Salate e cuocete per 20 minuti nella pentola a pressione (da quando fischia) e per 40 minuti in una pentola normale. Una volta terminata la cottura, lasciate raffreddare il polpettone prima di tagliarlo a fette (sarà più facile tagliarlo), e servitelo con le verdure d’accompagnamento. Il polpettone è buono sia caldo che freddo. Se lo volete servire caldo, scaldate il sughetto e mettetevi dentro le fette di carne.
 
 
 
 
After my last sweet recipes, I decided to post something savory for you, my friends. I made this meatloaf a few days ago with what I had in my fridge and in my vegetable garden. I try to make the meat I prepare for my family a bit tastier, because I am not a big fan of this food…if it were for me, I would only eat cheese…but my cholesterol would protest! I have always considered meatloaf to be a fancy and inexpensive second course. I remember my mom and my mother-in-law making this food often, usually in their Sunday sauce. They had the desire to give us a delicious pasta as a first course and a nourishing main meal, without spending too much. Often, they would put hardboiled eggs inside, making the meatloaf slice look elegant in spite of its rustic essence. I stuffed mine with vegetables and cooked it without tomato sauce. I added some other veggies to the pot and cooked them along with the meat, so they were delicious served together. Just add a fresh salad and you’ve got a wonderful, nutritious dish for your family!
 
 
Turkey meatloaf with veggies ( for 6 servings)
 
500 gr ground turkey
2 eggs
5 or 6 tablespoons of dry bread crumbs
1 big carrot, chopped into small pieces
1 celery stalk, chopped into small pieces
1 fresh onion, chopped into small pieces
2 tablespoons of milk
salt and pepper to taste
extra virgin olive oil to need
 
 
Vegetables to add to the pot:
 
2 zucchini cut into big pieces
2 potatoes cut into big slices
5 or 6 “ciliegino” tomatoes
1 big carrot, chopped into big pieces
fresh rosmary
 
 
Start by making the meatloaf. Mix all the ingredients together and form a meatloaf. If you wet your hands with water, this will be much easier. Put some olive oil in a pot and add the meatloaf (I use a pressure cooker). Lightly brown the meat on all the sides and then add the zucchini, the potatoes, the tiny tomatoes, the carrot and the fresh rosmary. Also add about 300 ml of hot water (the liquid should reach the middle of the meatloaf). Cook for 20 minutes in a pressure cooker and for 40 minutes in a regular pot. Let your meatloaf cool off befor cutting (it will be easier to cut if it’s cold). Serve with the cooked vegetables. This dish is delicious cold or hot. If you want to serve it hot, just warm up the sauce you cooked the meatloaf in and put the slices inside.
 

 

BALSAMIC CHERRY PIE WITH A BLACK PEPPER CRUST PER RE-CAKE DI GIUGNO

Ce l’ho fatta!! Ho rifatto la Balsamic Cherry Pie proposta da Elisa, Sara, Silvia, Miria e Silvia, ideatrici di Re- Cake. Spero d’aver rispettato tutte le regole. Quale frutto potrebbe meglio rappresentare il mese di Giugno se non le ciliegie? Succose, deliziose perle di bontà…potrei mangiarne a chili, una dopo l’altra, fino a farmi diventare le dita color cremisi! Si, mi piace molto questa proposta…Sapete, le pie fanno parte del mio bagaglio di esperienze sensoriali infantili…quante ne ho mangiate da bambina! Ricordo addirittura un primo tentativo di preparare una pie di mele, insieme a Maria, cuoca e pasticcera eccellente e dolcissima amica di mia madre. Rimasi affascinata da quei pochi sapienti gesti per preparare la briseé e il ripieno e dal profumo inebriante della cannella! Questa cherry pie mi è piaciuta subito per il suo carattere rustico e mi incuriosiva l’aggiunta dell’aceto balsamico al ripieno e del pepe nero nella base. L’ho resa ancor più “casereccia”, preparando una base con un mix di farine rustiche e ho preparato delle pie monoporzione, adattissime per un picnic o per un buffet informale, magari per un barbecue. Mi ha soddisfatto veramente questo dolce, è semplice e particolare allo stesso tempo. Quel accenno di sapore di mosto nel ripieno conferisce una nota originale e gradevole e il pepe nero da una sferzata alla crosta… Ve la consiglio. Io la rifarò sicuramente.
 
 
Nota: Ho diminuito le quantità della ricetta originale di 2/3.
 
Balsamic cherry pie with a black pepper crust
 
Ripieno:
 
500 gr di ciliegie denocciolate
75 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di aceto balsamico
½ cucchiaino di estratto di vaniglia
2 chiodi di garofano
25 gr di farina (circa 1 cucchiaio e ½ )
1 cucchiaino di maizena
1 cucchiaio di olio di semi
 
Base:
 
100 gr semola rimacinata di grano duro
50 gr di farina di grano saraceno
50 gr di farina di riso
65 ml di olio di semi
1 cucchiaino di zucchero
acqua fredda q.b (io ho usato 15 cucchiai)
un pizzico di sale
¼ di cucchiaino di pepe nero macinato
 
Glassa:
 
1 uovo
1 cucchiaio di acqua
 
Mettere tutti gli ingredienti per la farcia in un pentolino e cuocere a fiamma bassa per circa 15/20 minuti (non di più altrimenti le ciliegie si spappolano!), girando di tanto in tanto. Lasciar raffreddare.
 
Preparare la base miscelando le farine con lo zucchero, il sale e il pepe nero. Aggiungere l’olio e l’acqua fredda, un cucchiaio la volta. Impastare velocemente e mettere il panetto a riposare in frigo per qualche ora, anche tutta la notte (io ho fatto così). Dopo il riposo, prendere 2/3 della base, spianarla con un mattarello e foderare uno stampo da crostata. Riempire con le ciliegie cotte e decorare la vostra pie con le classiche strisce o come meglio gradite. Io ho usato gli stampini per i muffins, unti e infarinati. Li ho rivestiti con un cerchio di pasta briseé, riempiti con la farcia e decorati con una striscetta, per somigliare a dei cestini. Infornare in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti per le mini pie e 35 per una pie grande. Togliere dal forno, spennellare con la glassa e rimettere in forno per altri 10 minuti
 
 
 
 
 
CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL CONTEST RE-CAKE 9
 
 
I’m so happy I did it!! I made the Balsamic cherry pie that Re-Cake challenged us to make! What fruit could better represent June than cherries? These sweet, delicious fruits remind me of the wonderful, lazy summer days of my childhood. I immediately fell in love with this suggestion…you must know that I absolutely love pies! They are a part of my gastronomic formation and I did eat plenty of them as a kid!! I fondly remember my first try at making an apple pie, with the help of Maria, a wonderful cook and my mother’s sweet friend! I was fascinated by the simple gestures that Maria made to make the crust and the filling, and the wonderful smell of cinnamon was so comforting!! This Cherry pie made me curious. The balsamic vinegar in the filling was a strange ingredient for me and so was the black pepper in the crust. But I loved the rustic personality of this sweet treat, that I made even more rustic by using alternative flours. I also decided to make mini, one portion pies that are easy to transport for a picnic or a barbecue. I am very satisfied by the result of this experiment! I love the hint of fermented must in the filling and the black pepper crust is really a delicious surprise! I’m going to make it again and again…
 
Balsamic cherry pie with a black pepper crust
 
Filling:
 
500 gr pitted cherries
75 gr brown sugar
1 teaspoon honey
1 teaspoon balsamic vinegar
½ teaspoon vanilla extract
2 cloves
25 gr flour
1 teaspoon cornstarch
1 tablespoon vegetable oil
 
Crust:
 
100 gr durum wheat flour (or whole wheat)
50 gr rice flour
50 gr buckwheat flour
65 ml vegetable oil
about 15 tablespoons cold water
a pinch of salt
¼ teaspoon ground black pepper
 
Egg wash:
 
1 egg
1 tablespoon water
 
To make the filling. Put all the ingredients together in a pot and simmer on low heat, stirring occasionally, for about 15/20 minutes. Don’t over cook or the cherries will reduce to mush. Let cool completely.
 
For the crust, mix all the dry ingredients together in a bowl. Add the vegetable oil and the water, 1 tablespoon at a time. You should obtain a dough like mixture. Put the dough in the fridge for a few hours or for the whole night, like I did. After the rest, get 2/3 of the dough and roll it with a rolling pin. Place the disk in a pie pan and cover with the filling. Decorate the top as you like. I made 1 portion pies and decorated them like little baskets. Put into a preheated 180° oven for about 20 minutes for the mini pies, and 35 for a regular pie. Take it out of the oven. Brush with the egg wash and put back into the oven for another 10 minutes.
 

 

RASPBERRY-BANANA MUFFINS

Buon inizio settimana a tutti voi amici, spero che il weekend vi abbia ricaricati a dovere! Il mio è stato ricco di impegni e di bellissime emozioni! Si torna al dovere…e al piacere. Per me è sempre un piacere tornare in questo piccolo spazio virtuale e comunicare con voi…YES!! Oggi sono allegra…si sente? Ormai tutti sapete che questo passato periodo è stato particolarmente impegnativo per me, vi ho annoiato abbastanza con questa tiritera…Comunque, gli ultimi dolcetti che ho preparato li avevo fotografati e quindi oggi vi presento una ricetta fatta qualche giorno fa. E’ un semplicissimo muffin. Non so da voi, ma qui da me iniziano ad affacciarsi i primi lamponi e visto che mio padre coltiva pure questi (coltiva praticamente tutto!!), ho voluto preparare queste tortine aggiungendo questo frutto di bosco dall’equilibrato sapore tra il dolce e l’asprigno. Nell’impasto, ho aggiunto anche della polpa di banane mature che ha conferito, non solo un sapore delizioso, ma anche morbidezza! Inoltre, con un po’ di panna montata o una pallina di gelato fiordilatte, queste tortine si trasformano da dolcetto per la colazione a dessert goloso dal sapore e colore estivo!
 
 
Muffin al lampone e banana (12 muffins)
 
1 uovo
1 yogurt naturale
½ bicchiere di olio di semi
2 bicchieri di farina 00
½ bicchiere di zucchero
½ bustina di lievito
un pizzico di sale
la polpa di 2 banane piccole, molto mature (la buccia dev’essere cosparsa di macchie marroni)
125 gr di lamponi
 
Mettete la farina, il lievito e il sale in una ciotola e date una mescolata. In un’altra ciotola, mettete l’uovo, lo yogurt, l’olio e lo zucchero e mescolate con una frusta a mano. Aggiungete la polpa di banana e girate. Mettete gli ingredienti secchi nella ciotola con quelli liquidi e amalgamate tutto. Non girate troppo. Aggiungete i lamponi, mescolate delicatamente per non romperli. Inserite l’impasto negli stampini da muffins nei quali avrete inserito i pirottini di carta (oppure imburrateli e infarinateli). Riempite per 2/3. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti. Prima di servire, spolverizzate con dello zucchero a velo.
 
 
Hello friends and happy week! I hope your weekend was pleasant…mine was a busy and very emotional one. Now I’m back to my duty and my pleasure…it’s always a pleasure for me when I come to this wonderful place where I can communicate with all of you!! This makes me very happy!! You already know how busy I have been lately, so I won’t bore you again with this story…however, I fortunately photographed my last recipes, so today I’m going to present a muffin I made some days ago. Over here in my mountains, we are beginning to get some wonderful raspberries. My dad grows them in his vegetable garden (he grows just about everything!!), so I decided to add them to my muffins, I find them to be a perfect mix between sweet and tangy. I also added some banana pulp, which gave the sweeties a delicious taste and the moisture they needed. And you know what? Just by adding some whipped cream or some icecream, you can transform these muffins from a simple morning thing to a delectable dessert!!
 
Raspberry-banana muffins
 
1 egg
½ cup natural yogurt
½ cup vegetable oil
2 cups flour
½ cup sugar
3 teaspoons baking powder
a pinch of salt
the pulp of 2 very ripe bananas (the outside should be speckled with brown)
125 gr of raspberries
 
Mix the flour, the baking powder and the salt in a bowl. In another bowl, mix the egg, the yogurt, the oil and the sugar and give it a stir with a hand whisk. Add the banana pulp and mix. Put the dry ingredients into the bowl with the wet ones and mix just enough to get a batter that holds together. Don’t overmix, a few lumps are perfectly ok. Add the raspberries and stir them in gently. Put the batter in a prepared muffin tin (either with paper muffin cups or by buttering the tin). Fill by 2/3. Put the tin in a preheated 180°(celsius) oven, and bake for about 20 minutes. Before serving, sprinkle with some confectioners sugar.
 
 

ALMOND-APRICOT SKILLET GRANOLA!

Ciao a tutti voi cari amici! Mi scuso per la latitanza ma in questi ultimi giorni, in paese abbiamo festeggiato i Santi Patroni e ho avuto diversi impegni in parrocchia, oltre a quelli soliti…Quindi, tempo per il pc col contagocce…Questa settimana sarà altrettanto impegnativa perché ci saranno i vari incontri pre-comunione e pre-cresima con i ragazzi che tra sabato e domenica prossima, riceveranno i sacramenti. Cercherò di fare un salto nei blogs amici appena potrò…prometto! Ragazze, in questi ultimi tempi mi avete fatto venire voglia di granola!! Ho visto ricette (e foto!!) meravigliose che mi hanno fatto venire l’acquolina in bocca!! La ciliegina sulla torta l’ha messa Ileana del blog Ribes e Cannella! Ho diverse ricette per la granola, che preparo soprattutto durante  l’inverno…chissà perché? Comunque, tutte le mie ricette prevedono l’uso del forno ma visto il caldo degli ultimi giorni, ho pensato, “perché non provare a fare la granola in padella?”! Ho fatto una veloce ricerca sul web ed ecco qua la “skillet granola” che desideravo. Mi sono ispirata da lei, modificando la sua ricetta ai miei gusti e a quelli della mia famiglia, ed è venuta fuori una granola deliziosa e croccante…senza forno!! Quindi via libera anche col caldo…La fate in 10 minuti e avrete una colazione (ma anche una merenda o uno spuntino) sana, nutriente e gustosissima! Serena settimana!!
 
 
Granola mandorle e albicocche
 
Come misurino ho usato un bicchiere di plastica usa e getta da 200 ml. Per fare la granola, usate una padella dal fondo pesante, preferibilmente di ghisa o di ceramica.
 
 
¼ di bicchiere di olio di semi di girasole
¼ di bicchiere di miele
2 cucchiai di zucchero di canna
un pizzico di sale
½ cucchiaino di cannella
2 bicchieri di fiocchi d’avena
10 albicocche secche tagliate a pezzetti piccoli
una manciata di mandorle a pezzetti
2 cucchiai di semi di zucca tostati in padella (mettete i semi in padella, su fiamma media, fino a quando iniziano a scoppiettare)
 
Mettete l’olio, il miele, lo zucchero, il sale e la cannella in una padella e portate ad ebollizione su fiamma media. Fate bollire fino a quando il composto non diventa schiumoso, girando spesso. Aggiungete, tutti in una volta, i fiocchi d’avena e girateli bene. Lasciate cuocere, girando spesso, fino a dorare bene i fiocchi. Devono diventare un bel dorato scuro. A questo punto, versate il composto su un vassoio ricoperto di carta forno e lasciate raffreddare completamente. Spezzettate la granola e aggiungete le albicocche, le mandorle e i semi di zucca. Mescolate e conservate al fresco in un barattolo chiuso (io lo metto in frigo).
 
 
Hello my friends! Please excuse me for my absence but this last week has been a very busy one. In my town, we have been celebrating our Patron Saints and I have also been particularly busy with my parish…so I have had very little time for my computer. I will be on the run this week too, because my parish is still in the middle of communions and confirmations and other religious celebrations! But I will visit my friend’s blogs as soon as possible…I promise!!
Guess what girls? You have made me crave for granola!! During this last period, I have seen so many great recipes (and photos!!) that have made my mouth water! Ileana’s granola is my last temptation! I have several recipes for granola, which I make often, especially in winter…I wonder why? However, all of my granola recipes are prepared in the oven, and considering the past day’s hot weather, who wants to use the oven? So I asked myself, “ why not make granola in a skillet?”. I did a little research and found this recipe that inspired me. I made some changes to adjust the recipe to my family’s taste and I must say that it came out delicious…without using an oven!! It takes about 10 minutes to make and you can enjoy it for breakfast or for a healthy snack! Hope you have a pleasant week!!
 
Almond-apricot skillet granola
 
¼ cup vegetable oil
¼ cup honey
2 tablespoons brown sugar
a pinch of salt
½ teaspoon cinnamon
2 cups old fashioned rolled oats
10 dried apricots, chopped
a handful of almonds, chopped
2 tablespoons of toasted pumpkin seeds (you can toast them in a skillet, on medium heat. Cook them until they start to “pop”.)
 
In a skillet, heat the oil, the honey, the brown sugar, the salt and the cinnamon on medium heat. Bring to a boil and when the mixture becomes frothy, add the rolled oats. Stir until completely coated and cook, stirring occasionally, until the oats become golden brown. Let cool completely, then break the granola into pieces. Add the chopped apricots, the chopped almonds and the toasted pumpkin seeds. Mix and store in jar, in a cool place (I store my granola in the fridge).
 
CONSIGLIA Spaghetti con crema di spinaci